fotograFARE

Tracce Fantasma

TRACCE FANTASMA
Fotografiamo sempre quello che già  conosciamo, quello che abbiamo già  visto: sempre in ritardo con noi stessi, rincorriamo la vita che ci scivola tra le dita. Fuori sincrono; fuori campo: la fotografia taglia il tempo e lo spazio restituendoci una traccia fisica del nostro passaggio, un’emanazione del mondo che si sfalda dinanzi ai nostri occhi. Dov’è il tempo? Dove si trova? Dove finiscono le cose quando le cose finiscono? Il ricordo di ciò che ho visto si confonde con l’immagine che ho fissato: l’infanzia, i fantasmi di una vita che mi pare di aver vissuto ma che forse ho solo sognato, la terra solcata dall’aratro, i ruderi dispersi tra le colline bruciate dall’uomo e dal sole. Immagino le genti che abitavano in quella grande casa sul ciglio della strada, le gioie, i dolori, il sudore dei campi… Chi custodirà il loro ricordo? Penso alla voracità  funesta del tempo, al destino inesorabile a cui andiamo incontro, alle migliaia e migliaia di generazioni che furono e verranno sepolte dalla polvere e di cui non si saprà  mai nulla………………….


A causa delle restrizioni anti Covid19 per partecipare alla serata è obbligatoria la registrazione gratuita al seguente link. Ricordiamo inoltre che per accedere alla serata occorrerà esibire il GreenPass.

Link di registrazione: https://www.imaestridelpaesaggio.it/special-project/dettaglio/LANDSCAPE-TALK-00001/?__locale=it#bookNow

Partners