Questo il titolo dell’articolo uscito oggi su “Prima Bergamo” un pezzo scritto da Laura Ceresoli che racconta l’inizio e le novità di questo 2020 da dietro le quinte di fotograFARE. La priorità è concentrata su quelli che saranno gli eventi principali, la quarta edizione del “Contest fotografico solidale” dove visto il successo dello scorso anno si è deciso di mantenere più o meno invariato il format, quindi maggior tempo a diposizione, un tema libero e un tema legato ai Maestri del Paesaggio, si partirà a giugno e la scadenza è per fine agosto, il ricavato andrà anche quest’anno a favore della Casa di Leo di Treviolo, il secondo evento che ci vede partnership di Arketipos e i Maestri del Pesaggio, è il concorso “Obiettivo su Landscape Festival” concorso fotografico sul tema dell’evento 2020 e che durerà per i 18 giorni dell’evento stesso, oltre alla mostra fotografica che vedrà esposte le 41 immagini premiate e segnalate nel concorso dell’edizione passata 2019. Altre novità imprtanti sono la realizzazione entro fine anno di un libro che raggruppa le fotografie dell’omonima mostra “Bergamo da vedere” e di molte altre immagini, un libro che vuole mettere in evidenza le cose meravigliose che possiamo vedere e visitare nella nostra città, molte delle quali si trovano in punti a volte distanti dal centro e quindi meno visitati ma con una grande importanza storica dietro, ogni immagine sarà accompaganta da un testo con alcuni cenni storici. E poi ancora la bellissima collaborazione nata con AFI Archivio Fotografico Italiano che dal 2006, anno della sua fondazione, si dedica con vivacità alla valorizzazione e diffusione della fotografia d’autore, progettando e sviluppando ricerche finalizzate ad accrescere il patrimonio visivo, storico e contemporaneo Italiano, e arricchire qualitativamente la propria collezione, anche con il nostro piccolo contributo attraverso il nostro Magazine, una rivista di fotografia che è in continua crescita a livello qualitativo e di contenuti con una risposta da parte dei lettori davvero notevole. Poi ancora un progetto in fase di pianifiazione su Crespi in occasione del 25° anniversario dell’ingresso nel Patrimonio dell’Unesco, serate autore, serate didattiche, un doppio corso appena partito con oltre 40 nuovi iscritti, e davvero tantissime altre attività.

scarica l’articolo
scarica il magazine gennaio/febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *