Ci siamo, ultime ore per l’iscrizione, questa sera a partire dalle 23.30 saranno svelati i temi di questa seconda edizione del contest solidale fotograFARE 2018, tutti gli iscritti hanno già ricevuto una password per accedere ad una pagina del sito “temi 2108” dove troveranno appunto i 2 temi del contest, inoltre riceveranno gli stessi anche via mail. Un doveroso ringraziamento va a chi ci ha sostenuto economicamente con il loro contributo, Arredamenti Bertola di Boltiere Bg., Photodigitalpro di Bergamo, PhotostudioUv di Osio Sopra Bg., Trony di Dalmine Bg., Scansoft di Brescia, Lacameranerafinart di Bergamo, Debora Nails di Osio Sotto Bg., Tecnoinox di Mozzo Bg., il Ghiottone Pizzeria di Dalmine Bg., Quadrifoglio giardinaggio di Osio Sotto Bg., Esprimo s.r.l. di Sesto San Giovanni Mi., Infac sistemi di infissi di Cavernago Bg., Ikonos grafica di Treviolo Bg., Armonia Estetica di Grumello del Monte Bg., Il Fotografo rivista e l’Istituto Caterina Caniana per la loro preziosa collaborazione, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la Regione Lombardia, la Provincia e il Comune di Bergamo il Comune di Dalmine, e la Fiaf, per aver patrocinato l’evento, e ancora Bergamopost, l’Eco di Bergamo, RadioNumberone per avere scritto e parlato di noi pubblicizzando questa importante iniziativa, e infine, i numerosi studenti iscritti e gli Istituti Scolastici che credono nel nostro progetto e nella solidarietà, ai fotoamatori iscritti come singoli autori e alle iscrizioni in collettiva dei circoli fotografici in particolare il Circolo Fotografico di Chignolo, il Circolo Fotografico Camerachiara di Treviolo e il Circolo Fotografico di Brembate, ringrazio anche tutti quelli che non si sono iscritti ma ci hanno comunque aiutato nella condivisione e comunicazione del concorso.
Ogni anno in Italia ma non solo vengono proposti centinaia di concorsi fotografici interessanti dal punto di vista dei temi, dei premi, e della validità in classifiche o statistiche importanti, concorsi ai quali anche noi di fotograFARE spesso partecipiamo versando una quota di iscrizione, vorrei solo riuscire a sensibilizzare tutti, fotoamatori, circoli fotografici della bergamasca e non, e fotografi, dicendo a gran voce che il nostro, è sì un concorso come tutti gli altri, ma con una sostanziale e importantissima differenza, LA SOLIDARIETA’, quel gesto che magari preso singolarmente e quotidianamente facciamo fatica a fare e capire, ma sapere che lo facciamo in modo naturale facendo un gesto che comunque avremmo fatto lo stesso come ad esempio partecipare ad un concorso, bè questa è la differenza che ci contraddistingue, fare solidarietà facendo ciò che ci appassiona “fotografare”.